default_mobilelogo
  • 001.png
  • 002.png
  • 003.png
  • 004.png
  • 005.png
  • 006.png
  • 007.png
  • 008.png
  • 009.png
  • 010.png

gruccione 6Il gruccione

(Merops apiaster Linnaeus, 1758) è un uccello dall'aspetto tropicale, con i colori dell'arcobaleno, appartenente alla famiglia Meropidae.

Si nutre di insetti, soprattutto api (imenotteri), da qui il nome scientifico, (ma anche libellule, cicale e coleotteri) che cattura in aria. Ha l'abitudine di sbattere l'insetto su una superficie dura prima di mangiarlo.

I gruccioni sono socievoli, fanno il nido in colonie in banchi di sabbia, preferibilmente lungo gli argini dei fiumi, di solito all'inizio di maggio. Scavano un cunicolo lungo anche 3-5 metri in fondo al quale depongono 5-8 uova sferiche.Una sola covata all'anno all'inizio di giugno.

                               Sia il maschio che la femmina si prendono cura delle uova che vengono covate per circa 20 giorni.

In Italia le colonie di Gruccione sono concentrate specialmente lungo la pianura padana.

Da noi sono di passaggio, come tutti, in primavera e all'inizio dell'autunno. A Lampedusa non cercano hotel, ma solo un pò di ristoro prima di affrontare il mare del canale di sicilia e giungere fino alla terra ferma.

Si ritrovano in stormi formati anche da molti esemplari, un pò in tutta l'isola, a volte si posano anche lungo le linee di corrente elettrica o lungo la recinzione dell'aeroporto di Lampedusa. Il loro canto è inconfondibile e spesso udibile a grande distanza (ascoltalo-sopra), ma lo spettacolo di questi uccelli sono i loro colori e per questo sono anche chiamati uccelli arcobaleno. Il loro viaggio è lungo, dall'Europa, scendono giù fino all'africa subsahariana alla fine dell'estate per poi ritornare da noi in primavera. Le foto del Gruccione di Lampedusa fatte da Stefano Greco puoi vederle qui.

Bellissimo è il documentario di Marco Paolo Pavese pubblicato su youtube e visibile qui. Le ali dell'Arcobaleno. In basso a destra anche una scheda modificata di classificazione del Gruccione tratta da wikipedia con lo stato di conservazione della specie, che come si vede non è minacciato.

 
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Coraciiformes
Famiglia Meropidae
Genere Merops
Specie M. apiaster
Nomenclatura binomiale
Merops apiaster
Linnaeus, 1758